! Non categorizzato Samuel Nicholas  

Dolcemente ma con fermezza: come rifiutare con competenza il sesso

Contenuti

A volte spiegare a un uomo che non vuoi l’intimità può essere difficile. Ma sappiamo come farlo nel modo più discreto e convincente possibile..

Dato:

  • un gentiluomo sfinito dalla passione;
  • sei una bella signora, ahimè, non incline a concedersi piaceri carnali con lui (forse in questo momento, o forse mai del tutto).

Un compito: rifiutare un cavaliere designato con competenza.

Ci rifiutiamo gentilmente

Due citazioni dai classici sono utili qui. Il primo dal Maugham’s Theatre: “Ci sono uomini che trovano più facile arrendersi che spiegare perché non vuoi”. Il secondo da “Heart of a Dog”. Ricordate come Philip Filippych Preobrazenskij si rifiutò di comprare riviste “a beneficio dei bambini della Germania, cinquanta dollari l’una”? “Non voglio” è tutta la sua risposta. E simpatizzo con i bambini, dice, e non mi dispiace per cinquanta dollari, ma non voglio.

Nessun desiderio o riluttanza richiede alcuna spiegazione o scusa. Qualsiasi “io voglio” e “non voglio” è autosufficiente, e tutti i tentativi di argomentarlo, “razionalizzare”, come dicono gli psicologi, ci portano inevitabilmente in una trappola logica. Soprattutto se il signore si è rivelato noioso e per la centonovesima volta gli borbotta sconsolato all’orecchio “perché non vuoi?” Vale la pena cadere in questa esca – e sarai costretto a inventare, comporre motivi di rifiuto, e inevitabilmente qualcuno – lui, te o, in casi estremi, circostanze esterne – sarà “la colpa”.

“Ci sono uomini che trovano più facile arrendersi che spiegare perché non lo vuoi”

Guarda qui. Cosa significa veramente “non sei abbastanza alto / bello / intelligente / ben rasato”? È solo “non mi va bene”, in altre parole, torniamo al punto di partenza: “Non ti voglio”. Ma torniamo, dopo aver guidato l’autostima di una persona. Un’altra opzione è il classico “Sono stanco / mi fa male la testa”. Quindi il candidato per il tuo corpo lussuoso aspetterà che tutte le avversità siano passate e si assicurerà che gli hai mentito. Cioè, ancora una volta, lo hanno trattato ingiustamente male..

Quindi lascia cadere quei gatti e topi. “Sei buono, ma non voglio essere la tua amante, restiamo amici”, e per di più poi dal maligno.

Per inciso, il gioco di fornire spiegazioni è percepito dagli uomini (anche se spesso loro stessi lo impongono) come un tentativo di contrattare, pretendere per sé condizioni favorevoli, su cui si accetta di cedere, il desiderio di “vendersi a un prezzo più alto”. Questo è un altro motivo per cui non vale la pena iniziare un gioco del genere..

“Sei buono, ma non voglio diventare la tua amante, restiamo amici”, e per di più, poi dal maligno

E, naturalmente, nessuno ha annullato le regole generali di cortesia, tatto e delicatezza. Alla fine, il desiderio che hai risvegliato non è colpa dello sfortunato ammiratore, anche se non è reciproco, ma un complimento a te, e il più sincero che possa esserlo, e quindi merita un trattamento attento e rispettoso..

Un’eccezione al “non trovare scuse!” – relazione con un marito o con un amante permanente. Al contrario, deve essere spiegato perché non sei incline a fare sesso “qui e ora”. Più precisamente, per far capire che, in effetti, è tutto a posto, non essere troppo pigro per dire ancora una volta che lo ami e lo vuoi ancora e che, ovviamente, è l’uomo più sexy del mondo, ma meglio un’altra volta.

Ci rifiutiamo fermamente

Quando viene usata la parola “stupro”, molti immaginano un vicolo buio, una donna sola e indifesa e un cattivo con un coltello, che la attaccano da dietro l’angolo. Fortunatamente, questo quadro stereotipato è statisticamente errato: nella stragrande maggioranza dei casi, la vittima ha familiarità con il proprio aggressore. “Fortunatamente” – perché significa che abbiamo l’opportunità di difenderci dalle sue invasioni non solo con pugni, tacchi, denti o grida, ma anche con le parole. E, soprattutto, azioni preventive .

Da tempo immemorabile, alle donne era proibito prendere l’iniziativa nelle relazioni amorose, in particolare, per invitare esplicitamente un uomo a letto. Flirtare è un modo per rimediare a questa ingiustizia: “Immagino di non essere contrario ad ascoltare una tua proposta oscena”. Tuttavia, a volte facciamo i nostri occhi solo per il gusto di fare gli occhi, senza programmi per una colazione comune il giorno successivo. E come può un pover’uomo indovinare se offrire sesso o no?

Se flirtate proprio così e non volete dormire con l’oggetto dell’applicazione dei vostri “trucchi da donna”, ponete confini “geografici”, fatelo solo in territorio neutro. Non andare a casa sua (nella sua stanza d’albergo, nel suo studio, quando tutti gli altri colleghi sono già tornati a casa) e non invitarlo a casa tua. Stabilisci evidenti confini corporei: non è difficile per un gentiluomo capire perché ti permetti di baciare il manico, ma non permetti di arrampicarti sotto la gonna, ma indovinare che puoi arrampicarti sotto la gonna, ma sotto la biancheria intima è già impossibile, è problematico. Stabilisci dei limiti di tempo: non stare con lui troppo a lungo, da nessuna parte. Non dare al gentiluomo motivo di pensare che ti aspetti un’azione attiva da lui.

Altrimenti, non essere sorpreso quando inizia a lasciarsi andare. In nove casi su dieci si concluderà con una semplice lite e un risentimento fatale della persona che è stata “gettata”. Ma nel decimo dovrai contrattaccare – vedi sopra – con pugni, tacchi, denti e un forte urlo.

Non ci sono scuse per lo stupratore, ma per non creare condizioni di serra in modo che la sua natura vile si manifesti in pieno, puoi!